Home » Comunicati stampa » Angeleri (LNP): “Il Salone dell’Automobile deve essere a Torino, altre sedi sono fuori discussione”

Angeleri (LNP): “Il Salone dell’Automobile deve essere a Torino, altre sedi sono fuori discussione”

“Il Salone dell’automobile deve essere a Torino, ovviamente all’iniziativa privata va tutto il mio rispetto, ci mancherebbe, ma per me non ci sono alternative. Dobbiamo lavorare tutti perché se la manifestazione ripartirà lo faccia nella sua sede naturale, nella città dove è nato nell’aprile del 1900”. Non ha dubbi il presidente della Commissione trasporti della Regione, il Consigliere della Lega Nord Antonello Angeleri , che oggi ha presentato un ordine del giorno, sottoscritto da tutto il Gruppo della Lega Nord, che impegna la Giunta a mettere in atto tutte le politiche e le strategie necessarie affinché il Salone dell’Auto, se dovesse ripartire in vista dell’Expo del 2015, venga organizzato a Torino. 
“Parlerò personalmente con il Presidente Cota e con la Giunta perché il nostro capoluogo ritorni ad avere il suo Salone dell’Auto – ha aggiunto Angeleri -. Chiederò un appuntamento con gli organizzatori e ne discuteremo, anche con la Fiat e con la Regione Lombardia se necessario. Di una cosa però dobbiamo essere convinti: il Salone o lo si fa a Torino o non sarà la stessa cosa. Perché l’esposizione è un patrimonio storico della nostra città. Qui è nato nel 1900, qui si sono tenute tutte le 68 edizioni fino al 2000, anno in cui sfortunatamente gli organizzatori, che producevano una manifestazione simile a Bologna, decisero di chiuderla. L’automobile e i trasporti sono nel dna della nostra regione, che oltre alla Fiat ospita anche l’unico Museo Nazionale dell’Automobile ed è diventata da poco anche sede dell’Authority dei Trasporti”.

“Se la manifestazione dovesse rinascere – ha aggiunto Angeleri – anche eventualmente prevedendo altri spunti, come quelli relativi alle nuove tecnologie dei trasporti, sarebbe un grande obbiettivo per il Piemonte e per Torino. Dobbiamo muoverci sinergicamente, tra forze politiche e produttive del nostro territorio, perché ciò accada”.